Misura il tuo Social Media ROI in 6 Semplici Passi

Image Source: pixabay.com

Utilizzi i social media per il tuo business?

Inizia allora a misurare il tuo successo o a imparare dai tuoi fallimenti per procedere a pieno ritmo.

Se non fai nessun calcolo, allora stai semplicemente perdendo tempo e denaro.

Questo post spiega come elaborare il ROI dei social media in 6 semplici passi, ricordandoci che visibilità=potere!

DOWNLOAD GRATUITO: Prendi il tuo Social Media Strategy Toolkit per fare i tuoi calcoli.

Altrimenti contattaci e ce ne occupiamo noi.

1. Imposta i tuoi obiettivi di conversione.

 

Photo Credits: Pixabay

Prima domanda: che significa conversione per te?

Spesso è un’azione che porta a un risultato che desideri ottenere. Potrebbe essere una vendita, un passaggio intermedio, un completamento di un modulo o un abbonamento via email che ti porta un vantaggio di vendita.

Si possono misurare molte azioni intermedie.

Comprenderli studiando il comportamento dei tuoi visitatori è la chiave.

Alcuni dicono che i benefici dei social media vanno oltre la misura. IGNORALI! Più si misura e meglio i social media funzioneranno per te.

Ovviamente i social media non sono uno strumento di vendita diretta.

Ma se pensi ai viaggi dei visitatori e al modo in cui ogni interazione li porta a provare coinvolgimento e fiducia, vedrai l’impatto dei social media.

Per capire le azioni di conversione desiderate è utile pensare a specifici traguardi lungo il percorso dei tuoi clienti.

Ad esempio gli obiettivi possono includere:

  • Nuovi followers sui tuoi social media (qualificati in qualche modo per indicare la probabilità di diventare tuoi clienti)
  • Vendite dirette di e-commerce che giungono tramite i tuoi social media
  • Richiesta di informazioni tramite il modulo di contatto
  • Iscrizione alla tua mailing list
  • Tempo trascorso a leggere una “pagina monetaria” sul tuo servizio
  • Tempo trascorso su pagine di prodotto specifiche o con carrello della spesa
  • Download di un rapporto, menu o brochure che vengono forniti sul tuo sito
  • Richiesta di vendita direttamente da un social media, ad es. Pagina FB
  • Intento espresso per riacquistare o raccomandare
  • Richiesta di telefono o richiesta di richiamata

Tutto ciò è fatto allo scopo di sondare il terreno. Tutti i dati sono tracciabili.

Scoprirai altri grandi obiettivi facendo brainstorming con il tuo team o studiando il tuo Google Analytics.

Ricordati: non importa quali siano i tuoi obiettivi. Devi avere obiettivi misurabili, altrimenti stai solo sprecando il tuo tempo sui social media.

2. Traccia le misure chiave dei tuoi obiettivi

 

Photo Credits: StockSnap

Alcuni obiettivi potrebbero richiedere interazioni con il tuo CRM ( Customer Relationship Management ), operazioni o altri sistemi con l’impostazione di specifici processi di misurazione.

Altri possono essere automatizzati rapidamente con l’uso del monitoraggio di Google che analizza il tuo sito web; oppure definendo gli obiettivi in ​​Google Analytics con i valori assegnati,come mostrato di seguito.

Ecco alcuni indicatori chiave delle prestazioni da monitorare:

Visitatori del sito Web: traffico generale tramite social media, piattaforme specifiche dalle quali proviene, pagina di destinazione e tempo medio trascorso sul sito.

Responsabili del sito web: un sottoinsieme di coloro che visitano il tuo sito, qualificati in qualche modo in grado di soddisfare uno dei tuoi obiettivi di conversione.

Clienti: un sottoinsieme ancora più piccolo ma più critico: la proporzione di lead provenienti dai social media che diventano clienti.

Tasso di conversione: la percentuale dei visitatori dei social media che diventano i tuoi clienti, al contrario dei visitatori ricevuti da altre fonti (ricerca organica, PPC, rinvii di agenti, ecc.).

Tasso di abbandono: la percentuale di visitatori del sito web che hanno abbandonato un acquisto dopo aver completato parzialmente le proprie informazioni

Abbonati email: il numero di lead qualificati nella tua mailing list recettiva alle offerte e alle offerte regolari.

Quanto scritto sopra, scalfisce solo la superficie. In realtà, otterrai una serie di KPI ( Key Performance Indicator ) che riflettono i tuoi obiettivi aziendali di livello superiore.

Infine devi segmentare quanto sopra per ottenere un’immagine chiara del tuo cliente target e dei tuoi followers.

Bisogna inoltre segmentare i vostri KPI per dipartimento in modo che il vostro team sia pienamente responsabile.

Suggerimento: fai in modo che il tuo team di social media sia ossessionato da metriche quali conversioni, vendite, abbonamenti email, lead, richieste dirette, non fattori come la copertura dei social media e i fan.

3. Assegna un valore a ciascun obiettivo

 

Photo Credits: Picserver.org

Questo è spesso un’ostacolo, ma i principi sono semplici: inizia calcolando il tuo Lifetime Value del cliente (LTV).

Facciamo un semplice esempio: il tuo nuovo cliente medio tornerà due volte nella vita con una spesa media di £ 500 ogni volte: dunque l’LTV è £ 1000.

Cerca di metterlo in pratica come un valore mediano rivedendo i dati chiave finanziari e dei clienti … in questa fase non è necessario essere precisi. È possibile perfezionare questi valori nel tempo.

Per l’esempio seguente assumiamo un valore per il cliente a vita di £ 500.

Stimerai la percentuale dei tuoi visitatori che intraprendono un’azione specifica che finirà per convertire, ad es. se il 5% di coloro che effettuano una ricerca di prenotazione sul proprio sito Web finisce per diventare un cliente a vita, allora il valore per ottenere i lead nella pagina di prenotazione è di £ 25:

LTV (£ 500) *% prendendo l’azione desiderata (5%) = £ 25 (Valore dell’obiettivo scelto centrato)

Ciò significa che puoi permetterti di investire fino a £ 25 per ogni volta che un lead qualificato viene alla fine portato alla tua pagina di acquisto finale.

Come potenziare questo tipo di informazioni?

Stima un valore per ogni obiettivo quantificabile che hai scelto come target.

Scegline solo alcuni per iniziare.

Alimenta questi valori in Google Analytics come obiettivi: dati inestimabili che dovrebbero essere segmentati per identificare i visitatori del tuo sito web e le sorgenti di traffico che ti offrono i migliori rendimenti.

Collegando la tua analisi di conversione alla tua attività sui social media, i tuoi gestori di social media sapranno esattamente quali contenuti pubblicare e in quale momento, rispondendo in tempo reale ai dati che possono vedere.

I tuoi obiettivi più importanti dovrebbero dettare la tua migliore attività sui social media – questo non significa essere vendite (lontano da ciò). Significa avere strategie creative in atto che guidano incessantemente verso i tuoi obiettivi.

CONSULENZA GRATUITA: Contattaci per i Risultati Garantiti sui social media.

4. Collegare vantaggi tangibili a ciascun canale di social media

 

Photo Credits: blogtrepreneur

Dopo aver ottenuto i numeri sopra riportati per assegnare un valore a ciascun obiettivo, è possibile suddividere i ricavi per ciascun canale di social media.

In base all’esempio sopra riportato di un valore di £ 25 per ogni lead nella tua pagina di prenotazione, puoi valutare il beneficio di coloro che raggiungono questo livello da ciascun canale (Twitter, Facebook, Linked In, ecc.).

Ad esempio, se Google Analytics afferma che Twitter è responsabile di portare 100 lead alla tua pagina di prenotazione, ciò significa un valore di £ 2500 aggiunto da Twitter.

Ripeti per tutti gli obiettivi di conversione e i canali dei social media, presentando i risultati in una tabella; questo rifletterà chiaramente su quali canali si eseguono bene e su quali no.

Twitter: 120 lead hanno raggiunto la pagina di prenotazione a £ 25 = Beneficio di £ 3000

Facebook: 40 lead hanno raggiunto la pagina di prenotazione a £ 25 = Beneficio di £ 1000

Linked In: 10 lead hanno raggiunto la pagina di prenotazione a £ 25 = Beneficio di £ 250

Per ottenere quanto sopra, hai bisogno di disciplina per impostare un processo attraverso il quale i tuoi lead passano dai social media al tuo sito web e gli viene data l’opportunità di atterrare sulla tua pagina di acquisto / azione; devi anche diventare un utente avanzato di Google Analytics e altri strumenti (ad es. segmentazione dei social media).

5. Calcola il costo totale

 

Photo Credits: Pexels

Calcola il costo del lavoro moltiplicato per il tempo speso su ciascun canale più eventuali costi correlati come software, abbonamenti, pubblicità ecc.

Questo ti darà £ X spesi su Facebook, £ Y su Twitter e così via come mostra il seguente esempio:

 Hourly Rate Hours Labour Cost Other Costs Total Cost
Twitter 102002000400£2400
Facebook 101001000200£1200
Linked In 1050500100£600
 £4200

Questo tipo di analisi del ROI ti fornirà informazioni su come gestire i tuoi social media in modo più efficiente.

Se si utilizzano lavoratori o agenzie in outsourcing, l’importo effettivo investito può anche essere inserito nel modello di cui sopra. Non dimenticare di includere tutti i costi dei social media, sia diretti che indiretti.

Abbiamo un modello di Excel con calcolo di esempio disponibile per te come download gratuito che può esserti d’aiuto.

Fare l’esercizio sopra riportato rivoluzionerà il tuo approccio ai social media!

6. Ottieni il ROI per ogni canale

 

Photo Credits: Alan O’ Rourke

L’equazione è quindi semplicemente (Vantaggi-Costi) * 100 diviso per i costi espressi in percentuale per ciascun canale – i calcoli effettuati nelle sezioni 4 e 5 sopra.

 Benefits Total Cost ROI
Twitter £3000£240025%
Facebook £1000£1200(-17%)
Linked In £250£60058%
 £4250 £4200

 

Nell’esempio ipotetico sopra riportato, questo business è attivo su 3 piattaforme ed è vicino in buona sostanza al pareggio.

L’azione logica sarebbe quella di ridurre / eliminare l’attività di Facebook e aumentare l’attenzione su Linked In.

E naturalmente sappiamo tutti che essere sales-y sui social media non è visto di buon occhio. Questo non è ciò che stiamo sostenendo del tutto. Stiamo semplicemente dicendo: rintracciare tutto, con l’amo o con la mano.

Non riuscendo a monitorare la loro attività sui social media, molte aziende stanno perdendo una grande quantità di denaro attraverso uno sforzo non focalizzato.

Nella nostra esperienza, le aziende di maggior successo hanno una chiara presa sui costi e i benefici della loro attività sui social media.

Puoi leggere gli studi di casi sul nostro blog per ulteriori informazioni. Oppure chiedi dei nostri servizi di social media che includono tutte le misurazioni e il monitoraggio del ROI.

DOWNLOAD GRATUITO: Prendi il tuo Social Media Strategy Toolkit per fare i tuoi calcoli.

Non buttare soldi nello scarico!

Photo Credit: Positive Partnerships

Condurre un audit del ROI sui social media ti consentirà di:

  1. Determinare quali canali di social media valgono il tuo tempo
  2. Quali canali di social media richiedono più o meno investimenti

A Positive Partnerships siamo fanatici dei social media e possiamo aiutarti a:

  1. Determinare il ROI della tua attuale attività sui social media
  2. Fornire un piano d’azione per rendere la propria attività sui social media significativamente più redditizia
  3. Gestire in modo parziale o completo i tuoi social media utilizzando i nostri esclusivi servizi di gestione dei social media basati su influencer, incentrati sulla crescita in più mercati e lingue.

Se sapessi quali delle tue attività sui social media ti hanno dato i migliori risultati, non raddoppieresti su cosa funziona?

Chiedici di analizzare i tuoi social media per te oggi.

About us:

Positive Partnerships è un’agenzia di marketing digitale specializzata nei social media con sede a Londra, fondata nel 2009. I nostri clienti passati e attuali includono: Baglioni Hotels, Tune Hotels, The London Printing Company, Equatorial Traders, Into Russia Travel, Montagu Place, The Beaufort Hotel, Radisson Blu Edwardian Hotels e molti altri.

Contattaci per ulteriori informazioni.

Top photo credit: Garrett Heath

Leave a Reply